[BIOGRAFIA] Grazia Brambilla

Grazia

Grazia Brambilla nasce a Seregno – Mb – e risiede a Barlassina, piccolo paese della Brianza. Frequenta l’Istituto tecnico per il turismo e, data la sua passione per le arti figurative, decide poi si iscriversi ad un corso parauniveristario di comunicazioni visive. Ha vissuto a Cuba e frequentato l’Università di Ciutad de la Habana . Attualmente è responsabile di una agenzia viaggi a Meda. Nel 2012, pubblica con Montag edizioni, il suo primo romanzo dal titolo “Alata “ che, nel giugno 2013 entra a far parte dei 10 finalisti del Premio Letterario città di cantù. Nel settembre 2013, la poesia “ Umani “, di cui è autrice, entra a far parte della raccolta “ Poesie d’amore “ , ediz. Penna d’Autore. Collabora con Mikero Art, creando “ Arte e letteratura “ per le presentazioni del suo romanzo che in copertina riporta l’opera “ Trama svelata” dell’artista seregnese Stefano Migliorini.

Su TasteMyBook potete leggere brani tratti da Alata.

E voi? Conoscete Grazia e volete dirci qualcosa su di lei? O desiderate porle qualche domanda? Fatelo qui nei commenti!

“Alata”, Grazia Brambilla

Immagine

TITOLO: Alata
AUTORE: Grazia Brambilla (BIO)
EDITORE: Montag Edizioni

L’AUTRICE DICE CHE Chiara è una protagonista che non dimenticherete. Non è come tutti di noi, è una creatura con un destino segnato che sembra volerle riservare solo brutte sorprese. Chiara è in lotta contro l’intera Volta Celeste, vittima di un’intima sofferenza, ma al suo fianco si schiera Binael, Ordinatore dell’Universo che la condurrà, passo dopo passo all’accettazione della sua vera e magnifica natura. Si susseguono, pagina dopo pagina, incontri tra personaggi differenti tra loro di cui viene appronfondito l’aspetto psicologico. Personaggi a cui Chiara è, e non è particolarmente legata , ma che lasciano una impronta profonda nel suo modo di vedere la vita. La storia si snoda tra le pagine di Alata, in modo alquanto imprevedibile ed il finale è magistralmente descritto.
Alata è una storia per tutti coloro che amano guardare oltre. Apprestatevi alla lettura, liberando la mente da qualsiasi aspettativa perchè non tutto sarà come potrete immaginare.

ACQUISTALO QUI!
DI’ CHE TI PIACE QUI!

LA FIAMMA DEL CAMINO

La fiamma del camino che balla sulla parete come un corpo in preda ad un delirio, mi ipnotizza. Mi si avvicina ed io le faccio un cenno di assenso. Mi rapisce gli occhi e la bocca ma riesce a non procurarmi alcun dolore fisico. Li trasporta lontano. Intravedo appena delle ombre nel luogo in cui mi trovo. Sono sempre più vicine. Sono diverse tra loro nella forma e hanno tonalità di azzurro differente a seconda della durata della loro permanenza in questo non luogo. Il colore è più scuro per quelle che da poco tempo mi hanno lasciata. Mi accorgo che posso parlar loro e che non ho alcuna paura. La fiamma mi guarda e, gentilmente, mi spinge un po’ più vicino. Cosa sta accadendo? Le vedo meglio ora. Le riconosco tutte. Sono un graffio profondo nel mio cuore. Sono la mia pena più grande. Non hanno viso. Non occorre. Sono la pura e chiara essenza di loro stesse e così mi appaiono. Si rincorrono, giocano e volteggiano davanti al mio sguardo pieno di stupore e di amore.
Vorrei essere come esse sono. Libera. Non so esattamente che fare e d’istinto le chiamo per nome. Si librano nell’aria e si fermano ad ascoltarmi stabilendo un contatto che va oltre la mia aspettativa. Mi fanno sapere che sono felici. L’emozione che mi scuote è così grande che le parole si arricciano nella mia mente trasformandosi in frasi incomprensibili. Ma non ha importanza perché ciò che voglio far sapere brilla nei miei occhi. Resto immobile a godermi questo momento mentre si rafforza in me la certezza che nessuno muore mai del tutto. Ci siete ancora e mi state dando il coraggio di svegliarmi domani mattina. Sento la vostra luce ed ora so esattamente cosa state provando. Vi sentite bene e siete tornati come bambini, come bianche statue ancora da scolpire. Tendo una mano, ma un tocco leggero mi chiude gli occhi.
E’ ora di tornare. Non voglio andarmene. La fiamma mi riporta alla mia lunga notte senza stelle

[BIOGRAFIA] Rita Parisi

Mi chiamo Rita Parisi, ho 30 anni e vivo a Mugnano, cittadina a Nord di Napoli. Scrivo da sempre. Per anni ho scritto poesie, guardando fuori dalla finestra, durante le ore di matematica al liceo. Poi, durante le ore di Lettere, mi sono sentita ripetere che dovevo diventare una giornalista, una scrittrice. Me lo diceva la prof. con l’aria sognante. Ci ho creduto. Maturità e Laurea in Lettere Moderne. Tesserino da Giornalista Pubblicista. Lavoro zero. Porte sbarrate se non sei nessuno. Se non sei “figlio o parente di”. Tuttavia, inizio a collaborare con diverse testate, Repubblica Napoli, Internapoli.it, AgenziaFuoritutto.it, Provincia Oggi. Intanto, inizio a buttare giù qualche racconto e nel 2008 sono finalista al Premio Metronapoli, promosso da Subway Letteratura, con “Vertigine”; l’anno dopo vinco la selezione nazionale con il racconto “Nero cenere”, pubblicato e distribuito all’interno delle stazioni delle metropolitane italiane. Nel 2010 sono, per l’ennesima volta, in finale, non vinco, ma la redazione di Subway mi commissiona un racconto per il Tabloid sullo Sport; scrivo “Fuorigioco” che viene pubblicato e distribuito in tutti gli impianti sportivi milanesi. Lo stesso racconto viene utilizzato per il convegno “Salute Mentale senza pregiudizi. Esperienze a confronto”, tenutosi a Napoli nel giugno 2011. E, a proposito di Salute Mentale, dal 2009 collaboro con il Centro Diurno Psichiatrico Riabilitativo “Gattablu” di Scampia, dove dirigo il mensile “Il Faro”, scritto interamente dai pazienti, che oggi sono la mia realtà; un impegno part time di poche ore a settimana che a stento mi permette di coprire le spese degli spostamenti, ma, al tempo stesso, un’esperienza umana impagabile.
A marzo 2012 ho pubblicato il racconto intitolato: “A mezz’aria”, all’interno dell’antologia “Italian Shorts”, a cura della casa editrice Caracò.
A luglio 2012 ho pubblicato il racconto intitolato: “Il passato non dorme mai”, primo classificato al Premio Nazionale per la Narrativa, sezione Thriller, promosso dalla rivista “Grand Hotel”.
Ad agosto 2012 ho pubblicato il racconto intitolato: “Il cerchio perfetto”, vincitore del Premio di Scrittura Creativa “Donne che fanno testo”, promosso dal quotidiano “Il Messaggero”.
Ho pubblicato anche diverse poesie all’interno di varie antologie. Nel 2003 ho pubblicato la raccolta di liriche dal titolo :”Momenti d’ombra”, edito dalla casa editrice Libroitalianoworld.
Continuo a scrivere, continuo a cercare lavoro, continuo a sperare che il talento e la passione di noi giovani non vadano sprecati. Continuo a credere che ci sia anche per noi una possibilità. Continuo a combattere, affinché alla mia generazione venga restituita la dignità.

Su TasteMyBook potete leggere brani tratti da Sabbie Mobili.

E voi? Conoscete Rita e volete dirci qualcosa su di lei? O desiderate porle qualche domanda? Fatelo qui nei commenti!

[BIOGRAFIA] Jury Livorati

Jury Livorati è nato nel 1985 a Viadana (MN), dove attualmente risiede con la moglie e i due figli. Laureato in Biologia Molecolare, lavora come impiegato ed è membro dell’Associazione Culturale VecchioBorgo. Appassionato di lettura e scrittura, autopubblica la raccolta di racconti “Paura Paranoia Pazzia” (2007, Lulu) e il romanzo “M@rcello” (2011, Photocity). Il romanzo “L’eredità” (2012, 0111 Edizioni) segna per lui l’ingresso ufficiale nel mondo degli scrittori emergenti, un’esperienza a cui la trilogia di Alethya, iniziata con Il Ritorno di Beynul (2013, 0111 Edizioni), dà continuità.

Su TasteMyBook potete leggere brani tratti da Il Ritorno di Beynul.

[BIOGRAFIA] Stefania Trapani

Immagine

Stefania Trapani, milanese, scrive diari dall’età di quattordici anni, quando inizia ad avvertire il bisogno di trattenere i suoi veloci pensieri e incanalarli nella direzione del racconto e della poesia. Sposata con Giorgio Molteni, noto violinista milanese, ha due figlie: Giorgia Maria e Giulia Rose. Durante la sua permanenza a Los Angeles, nel 2002, inizia a modificare il suo modo di scrivere, raccontando le sue esperienze non più attraverso la diaristica ma avvicinandosi sempre più alla dimensione del romanzo. Pubblica la sua prima opera nel novembre 2012 con Edizioni Montag, intitolata “Portata dal vento”, e la seconda opera intitolata “Alla fine dei sogni” con 0111 Edizioni nel luglio 2013. Il suo sito è www.stefaniatrapani.it.

Su TasteMyBook potete leggere brani tratti da Alla fine dei sogni.

E voi? Conoscete Stefania e volete dirci qualcosa su di lei? O desiderate porle qualche domanda? Fatelo qui nei commenti!

“Alla fine dei sogni”, Stefania Trapani

FRONT.alla fine dei sogni

TITOLO: Alla fine dei sogni
AUTORE: Stefania Trapani (BIO)
EDITORE: 0111 Edizioni

L’AUTRICE DICE CHE Michela e Silvia sono inseparabili amiche ventinovenni che nell’agosto del 2010 si trovano ad avere due grossi problemi. Michela, mamma della piccola Gaia, lotta da nove mesi contro un tumore al seno. Alla fine delle terapie, quando la situazione dovrebbe essere risolta, le vengono diagnosticate tre millimetriche metastasi celebrali. Quando viene a saperlo, Silvia si trova al supermercato e sviene; a seguito degli accertamenti a cui viene sottoposta, scopre di essere incinta. Nonostante “Alla fine dei sogni” tratti degli argomenti molto impegnativi, quali la malattia, l’aborto, arrivando a spingersi fino ai pericolosi confini della morte, ha comunque un ritmo incalzante, in alcuni punti è anche divertente, come le sue protagoniste che non perdono mai quell’autoironia, fondamentale in questo genere di dramma. Ma questo romanzo è soprattutto la storia di un’amicizia sincera. È proprio per questa amicizia che è nato. Ed è di questa amicizia che vuole parlare.

ACQUISTALO QUI!
DI’ CHE TI PIACE QUI!

DUE VITE IN SOSPESO TRA LA VITA E LA MORTE

Silvia arrivò da Michela che era molto tesa. Nemmeno la veloce corsa in auto l’aveva aiutata a scaricare tutta quella tensione; le notizie trovate su internet erano sconvolgenti.
Anna le aprì la porta con un sorriso.
«Vieni Silvia. Siamo appena arrivate.»
Zia Giulia spadellava in cucina, Gaia giocava sul tappeto ai piedi di Michela, e lei se ne stava accovacciata sul divano. Sembrava guardasse l’enorme televisore che aveva di fronte, ma in realtà stava fissando il vuoto.
Non l’accolse come sempre, col suo bel sorriso, ma ne accennò uno.
«Ciao Ughino…»
L’euforia delle dimissioni aveva lasciato il posto a qualcos’altro.
Sembrava un uccellino seduta in quel modo. Era più magra che mai, indossava una canottiera nera che le dava un certo tono grintoso, ma evidenziava il suo unico seno. Silvia ripensò a quante volte avevano fatto il bagno insieme, da ragazzine. Al ricordo di quei suoi magnifici seni, che non c’erano più, le venne il magone. Ma non era quello il momento di piangere e lo mandò giù.
«Allora ti hanno spaventata quei maledetti…» disse rompendo il ghiaccio.
«Sì. L’onco-gnocco mi ha assicurato che non è nulla di grave, ma io non sono affatto tranquilla. Ce l’ho qui, capisci?» disse indicandole un punto sulla fronte.
«Gli è sfuggita una cellula, mi ha detto. Ma quanti organi ha attraversato, questa cellula, prima di arrivare qui?» e ribatté col dito sulla fronte.
«Dai Michela, se ti hanno detto che è una stupidata, non può essere che così.»
«Sì, sono tre noduli millimetrici. Ma ho paura. Il cancro ha camminato… non avevo ancora terminato le cure quando si è mosso! E se la radioterapia non bastasse? Se il tumore mi tornasse di nuovo, da un’altra parte? Dove lo trovo il coraggio per affrontare tutti i controlli? Dovrò farne tutta la vita, capisci? E per i prossimi cinque anni ne avrò uno ogni tre mesi! Come potrò reggere tutta questa tensione? Non ce la faccio più, Silvia, non è vita questa…»
A quelle parole seguì uno spaventoso silenzio.
Erano gli stessi pensieri che avevano in mente tutti, ma che nessuno aveva il coraggio di esternare.
«Devo dirti una cosa…» disse Silvia, provando a distrarla.
A Michela brillarono gli occhi; era un essere curioso e per farla felice bastava svelarle un segreto.
Silvia seguì con lo sguardo Anna, che gironzolava intorno a loro, ed esitò a parlare.
«Mamma» disse Michela in tono di biasimo «ma non hai ancora chiamato la nonna? Cosa aspetti a dirle che mi hanno dimessa?»
«É vero! La nonna!»
E appena Anna corse nell’altra stanza per telefonare a sua madre, Silvia vuotò il sacco.
Lo fece in modo diretto, come sempre, come una fucilata.
«Sono incinta.»
Si guardarono serie.
«E di chi?» chiese Michela, scoppiando a ridere.
«Ma che ne so, Pina!»
Non riuscivano a smettere di ridere.
«E adesso a tuo padre chi glielo dice?»
Il padre di Silvia era notoriamente un uomo all’antica, il tipico siciliano di fine ottocento che avrebbe preferito morire piuttosto che avere una ragazza-madre per figlia.
«Non lo saprà mai, Michela» disse Silvia, tornando seria «non lo terrò.»
Michela annuì.
«La scelta spetta soltanto a te. Però pensaci bene. Potresti pentirtene un giorno.»
«Penso che mi pentirei di più se decidessi di tenerlo.»
«Certo, nel momento in cui tuo padre stesse per ammazzarti te ne pentiresti eccome!»
E ricominciarono a ridere.

A guardarle da lontano riuscivano ad apparire, nonostante tutto, due ragazze spensierate. Complice la bellezza stralunata che le caratterizzava e la tendenza al riso, non si poteva facilmente intuire l’enorme peso che portavano dentro, a meno che non le si conoscesse bene.
Era stato un anno terribile per entrambe, pieno di sofferenza sia fisica che psicologica; il cancro di Michela, l’addio di Giorgio, e ora quella catastrofica gravidanza…
Non fosse stato per Gaia, probabilmente non l’avrebbero nemmeno superato un anno così.
Ma se si aveva la possibilità di osservarle un po’ più da vicino, non si poteva non notare l’orrore che portavano dentro. I loro occhi non ridevano più, e anche il colorito bianco/giallognolo, che aveva preso il posto dell’abituale pallore lunare, diceva molto della loro situazione reale.
Erano devastate.
Una che lottava da nove mesi contro un tumore al seno, che alla fine di quelle torture le aveva regalato tre belle metastasi al cervello. L’altra col cuore in frantumi e incinta di chissà chi. Che certo, i due problemi non erano proprio paragonabili, ma in entrambi i casi c’era una vita di mezzo che vacillava spaventosamente, e c’era tanta, tanta nausea.
Restavano comunque due bellissime ragazze, nonostante il colorito spento, le occhiaie, e i visi un po’ smunti. Con quel nuovo aspetto sciupato, tra l’altro, sembravano assomigliarsi ancora di più. Non erano sorelle di sangue, in realtà non c’era alcuna parentela tra di loro. L’unica cosa che le accomunava erano i padri siciliani. Ma erano cresciute insieme, e questo faceva di loro due sorelle. Si frequentavano da quando erano in fasce, anche per questo le loro voci erano pressoché identiche. Avevano gli stessi toni, le stesse cadenze, addirittura il timbro della loro voce era il medesimo. Perfino le loro mamme, quando le sentivano parlare al telefono o al citofono, le confondevano.
Oltre alla stessa voce avevano anche la stessa altezza.
Era incredibile come entrambe fossero alte un metro e sessantanove, né un centimetro in più, né uno in meno. Forse perché avevano frequentato le stesse scuole, praticato gli stessi sport… forse era questo il motivo di una tale bizzarra coincidenza.
E poi null’altro le accomunava.
Erano anzi l’una l’opposto dell’altra; sembravano due immagini speculari a guardarle bene.
Michela aveva i capelli nerissimi, Silvia biondissimi. Il taglio e la lunghezza erano però gli stessi: lunghi fino alle spalle con la frangetta portata di lato, fino a prima che Michela li perdesse; rasati a zero da quando la ragazza si era dovuta sottoporre alla chemioterapia. Anche in quell’occasione Silvia aveva seguito la sua amica, un po’ per solidarietà, pensando che in quel modo l’avrebbe fatta sentire meno malata, ma anche perché si sarebbe sentita meno se stessa con un taglio di capelli diverso da quello della sua Michela.
In effetti, in quel modo, il radicale cambiamento d’immagine fu meno traumatico per entrambe.
Non fu semplice per nessuna delle due passare dai capelli lunghi al nulla, o quasi. Ma si fecero coraggio a vicenda, trovandosi poi a scoprire che quel taglio, o meglio quella rasatura, non stava affatto male, ma anzi valorizzava ancor più i loro visi da ninfe e i loro sguardi lucenti.
Gli occhi di Michela erano scurissimi, come i suoi capelli. Erano di un purissimo nero che, come la notte, tendevano inevitabilmente al blu.
Quelli di Silvia erano invece chiarissimi, di un colore indefinito molto simile al ghiaccio, che in base alla luce o agli umori sfumavano sul grigio, l’azzurro, o il giallo.
Avevano entrambe stranissimi occhi, molto diversi tra di loro, ma in entrambi i casi di un colore che si confondeva con quello dei loro capelli. E qualunque cosa guardassero, lo facevano allo stesso modo.